Venerdì 22 Ottobre 2021

Incidenti sul lavoro, due morti in un’ora

Napoli, 8 ottobre 2011 – Due morti bianche in un’ora. Sessanta minuti che da Grottaminarda a Benevento hanno visto la fine di due operai intenti a svolgere il proprio dovere. Il primo, morto schiacciato dal gancio del compattatore sul quale stava lavorando. Il secondo, schiacciato anch’esso dal tronco di un albero che stava tagliando con una motosega insieme al fratello. Franco di Napoli, 48 anni, sposato con tre figli, dipendente di Irpinambiente, si trovava a Grottaminarda, in provincia di Avellino quando si è calato in terra per raccogliere un sacchetto. Ed è stato in quel momento che per sbaglio è stato azionato il pesante braccio di acciaio che lo ha colpito in pieno, uccidendolo sul colpo. Inutile l’intervento del 118. Sul posto sono subito accorsi i vertici della società pubblica, interamente partecipata dalla Provincia di Avellino. “La morte di un dipendente addolora prima di tutto l’azienda per la quale lavorava”. Queste le parole di cordoglio espresse dall’amministratore unico della società e dal suo direttore generale. Irpinambiente ha inoltre diffuso una nota nella quale ha ribadito che da sempre l’azienda osserva le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e che non ha mai lesinato sulle spese occorrenti per garantire il massimo della sicurezza dei propri dipendenti. Ma sulla tragedia di Grottaminarda è intervenuta anchela Uil.Ilsindacato denuncia, in una nota, le condizioni di sicurezza precarie dei lavoratori di Irpinambiente causate dalle difficoltà finanziarie della società. Il magistrato di turno della Procura di Ariano Irpino, intanto, ha aperto un’inchiesta ed i vertici della società hanno assicurato la massima collaborazione alle indagini. E si indaga anche sulla morte di Mario Belperio, agricoltore settantenne di San Giorgiola Molara, in provincia di Benevento. Morto schiacciato dal tronco e dai rami dell’albero che stava segando. Ha riportato ferite gravissime e a nulla è valsa la corsa al Fatebenefratelli di Benevento dove è giunto senza vita.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27