Martedì 30 Novembre 2021

Chiaiano, due perizie choc sulla discarica

Napoli, 5 novembre 2011-  Due relazioni-bomba sulla discarica di Chiaiano e sul funzionamento degli Stir: le ha consegnate nei giorni scorsi alla Procura di Napoli l’ingegner Luigi Boeri. L’altra notizia è che sulla discarica di Chiaiano ci sia il sospetto di un ampliamento illegale, indagano i carabinieri del Noe. Tutto è nato da un esposto dei comitati, insospettiti per il viavai di camion dall’impianto. Sì, perché ufficialmente era prossimo all’esaurimento e dunque alla chiusura già nella primavera scorsa, ma i flussi di rifiuti in arrivo non si fermano. Anzi, sembrano intensificarsi. E poiché nella discarica sono in corso lavori — ufficialmente, per la «messa in sicurezza» del sito — c’è il sospetto che in realtà si tratti di ampliamenti, non autorizzati, e dunque illegali. Il sospetto dei comitati è considerato fondato dai carabinieri, che dopo un’osservazione preliminare in questi giorni hanno avviato un accurato conteggio delle tonnellate di rifiuti che arrivano a Chiaiano. Al termine delle verifiche invieranno un’informativa ai pm Antonello Ardituro, Marco Del Gaudio e Lucia Esposito, titolari del fascicolo sulla Sapna, la società della Provincia che gestisce la discarica; potrebbe essere disposta una perquisizione dell’invaso. L’ipotesi investigativa è che, per aggirare la legge, anziché chiedere alla Regione l’autorizzazione ad ampliare il sito — un’autorizzazione che sarebbe stato problematico concedere — a Palazzo Santa Lucia sia stata inviata solo la comunicazione di «messa in sicurezza» — per altro già prescritta — per giustificare l’andirivieni dei mezzi e degli operai impegnati nei lavori. L’inchiesta sulla discarica potrebbe dunque arricchirsi di un nuovo filone. Presto potrebbe essere sentito in proposito il direttore della Sapna, l’ingegner Giovanni Perillo. Risale allo scorso maggio il sequestro di una parte dell’impianto per consentire verifiche e carotaggi. L’ipotesi dei pm è che la cava sia stata costruita con materiali scadenti da aziende vicine ai clan Mallardo e Zagaria. Il reato ipotizzato dai pm è associazione per delinquere finalizzata alla frode in pubbliche forniture, al traffico illecito di rifiuti e allo smaltimento non autorizzato di rifiuti; ai dieci viene anche contestata l’aggravante di aver agito per agevolare clan camorristici.

 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27