Mercoledì 27 Ottobre 2021

Inquinamento a Napoli, Arpac nel mirino della Procura

Napoli, 14 novembre 2011 – Se l’aria di Napoli è o meno inquinata lo deciderà la Procura. Nuova bufera sull’Arpac per i mancati controlli del livello di polveri sottili nell’atmosfera che avvolge il capoluogo campano. Le centraline di rilevamento dell’agenzia regionale per l’ambiente a quanto pare non funzionano come dovrebbero. Per averle a regime, volendo essere ottimisti, se ne riparlerà a col nuovo anno. Fino ad allora sarà difficile avere informazioni sulla qualità dell’aria a Napoli e sulla quantità di benzene che viene inalato. Ma la Procura di Napoli vuole vederci chiaro e punta ancora una volta i riflettori sull’Arpac, dopo lo scandalo di due anni fa che portò a ben 63 indagati e all’azzaramento dei vertici dell’Agenzia.
Si parte dalla gara che l’Arpac non riesce a chiudere per l’acquisto di nuove centraline. Quelle che, a partire da gennaio 2012 dovrebbero garantire maggiore precisione nei dati. Uno stop sul quale gli investigatori intendono vederci chiaro.
A Napoli nessuno sa qual è la qualità dell’aria, e siamo nella città che ha record degli sforamenti negli anni scorsi. Va inoltre chiarità la responsabilità specifica. Negli anni scorsi l’allora assessore comunale all’Ambiente, Gennaro Nasti, uomo della giunta Iervolino, finì sotto inchiesta. In realtà non tocca a Palazzo San Giacomo valutare la qualità dell’aria, ma al Comune di Napoli tocca solo prendere decisioni se questa non rientra in determinati parametri.

Ma se non si hanno i dati, non è possibile neppure valutare le contromisure. «La questione – secondo l’attuale delegato all’Ambiente, Tommaso Sodano – è che se non abbiamo i dati, non possiamo decidere se chiudere o meno al traffico la città”.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27