Sabato 23 Ottobre 2021

Rapì neonato, infermiera torna a lavoro al Cardarelli

Napoli, 1 novembre 2011 – Ha ripreso a lavorare all’ospedale Cardarelli e sarà proprio dal posto di lavoro che Annarita Buonocore attenderà la sentenza della Corte di Appello salernitana per il rapimento del piccolo Luca commesso dalla donna  7 giugno del 2010 nel nosocomio Umberto I di Salerno. In quell’occasione l’infermiera 43enne si finse dipendente dell’ospedale salernitano per portare via il neonato ma fu subito rintracciata e condannata con rito abbreviato a 6 anni di reclusione. Dopo aver scontato nove mesi di carcere la donna ha ottenuto gli arresti domiciliari e in realtà ha ripreso servizio presso il nosocomio partenopeo già dallo scorso 16 di agosto come deciso dai giudici – in quanto il suo lavoro è l’unica fonte di sostentamento per la donna – e confermano dall’amministrazione del Cardarelli, prestando servizio tutti i giorni dalle 8 alle 14, nel complesso operatorio di chirurgia generale. Un settore che è stato definito protetto in quanto la donna non ha alcun contatto con i degenti. Dal giorno del suo rientro assicurano i responsabili  sanitari non si è verificato alcun problema. L’episodio di cui si rese protagonista l’infermiera, fu la conseguenza come raccontò lei stessa di un aborto e del desiderio di un figlio maschio. Dopo la cattura la Buonocore spiegò dunque, le sue ragioni. La donna che ha già due figlie, una di venti e una di dodici anni, perse il bambino che aspettava dal suo amante, un amministrativo del suo stesso ospedale, il Cardarelli, ma non aveva avuto il coraggio di dirglielo e aveva continuato a fingere di essere incinta per evitare di essere lasciata.  Lo stesso collega e amante della donna alla notizia del rapimento raccontò agli inquirenti di non saperne nulla e di essere stato lui stesso vittima di quell’inganno frutto di una maternità clandestina tanto desiderata.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27