Lunedì 25 Ottobre 2021

Ucciso dai rapinatori, nessun riscontro dalle immagini della videosorveglianza

Napoli, 9 novembre 2011 – C’è ancora troppo poco nelle mani di chi indaga. Ipotesi, come quella secondo cui gli assassini di Carlo Cannavacciuolo non siano del posto, ma di comuni vicini a Santa Maria la Carità, dove si è consumato il delitto e dove risiedeva il veterinario 27enne. L’autopsia ha potuto chiarire soltanto da che distanza sia stato esploso il colpo mortale. Circa sei metri. Un breve tratto di strada che Carlo, appartato nella sua Fiat Panda con la fidanzata, ha percorso in retromarcia nel tentativo di sfuggire a quei tre balordi che volevano mettere a segno una rapina. Le piogge dei giorni successivi hanno cancellato le poche tracce che potrebbero aver lasciato gli assassini sul luogo dell’omicidio. Né qualche elemento utile è giunto dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali. Si sperava che quei circuiti potessero aver immortalato la fuga dei killer, ma si notano soltanto alcune auto di passaggio a quell’ora. Probabile, allora, che come via di fuga gli assassini del povero veterinario abbiano utilizzato le campagne circostanti. L’unico elemento l’ha fornito la fidanzata della vittima. I rapinatori hanno scambiato tra loro poche frasi, in dialetto e in italiano. Ma è poca cosa. Si spera che una novità possa giungere dalle impronte digitali rilevate sullo sportello dell’auto. Quei balordi hanno infatti bussato alla portiera, per attirare l’attenzione dei due occupanti, contro cui hanno puntato una pistola. Un gesto istintivo e di difesa, quello di Carlo, di innestare la retromarcia e provare a fuggire. Un gesto che ha scatenato la furia del rapinatore armato, che ha premuto il grilletto.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27