Sabato 25 Settembre 2021

Taverna del Re, Zagaria e politici soci in affari

Napoli, 1 dicembre 2011-  A Taverna del Re, in quel lembo di terra che divide la provincia di Napoli da quella di Caserta, la camorra casalese e la malapolitica di Terra di Lavoro avevano stretto un patto scellerato per trasformare i fertilissimi frutte in veri e propri cimiteri di veleni.A raccontare l’ultimo capitolo di questa assurda vicenda è Tammaro Diana, uno degli ultimi collaboratori di giustizia della mafia di Casal di Principe, un passato da amministratore pubblico, da imprenditore e ovviamente da camorrista.Diana ai magistrati fa i nomi e i cognomi di chi ha guadagnato nell’affare ed attribuisce a Michele Zagaria la paternità della decisione e ai politici, tra cui un consigliere regionale il cui nome è coperto da omissis.Il racconto di Diana che porta la data del 22 ottobre scorso è stato depositato ieri mattina dal pm Antonello Ardituro all’udienza per il riesame delle misure cautelari a carico di due imprenditori arrestati il 15 novembre scorso insieme all’ex  sindaco di Villa Literno e consigliere regionale in carica Enrico Fabozzi. Per Diana, in buona sostanza, l’ampliamento di Taverna del Re porta la firma fi Michele Zagaria, capo indiscusso dei Casalesi e latitante da ormai sedici anni. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: sette milioni di eco balle ammassate dal 2001 in un area di 6 km quadrati tra i comuni di Giugliano in Campania e Villaricca ne fanno un mostruoso, mastodontico, indecente monumento allo scempio del territorio e al malgoverno.
Con la sua sagoma minacciosa visibilissima dal satellite ed estesa quanto un paese, Taverna del Re si trova in quella che è con ogni probabilità l’area agricola più inquinata d’Europa.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27