Lunedì 20 Settembre 2021

Falsi invalidi, nuova inchiesta e 32 arresti

Napoli, 1 febbraio 2012 – Le patologie dichiarate sono di ogni tipo e di ogni gravità. Si va dal mal di schiena cronico, fino all’assoluta cecità. Passando per problemi di deambulazione, a finire con disturbi della psiche. E ciascun invalido aveva ottenuto il diritto a riscuotere una pensione erogata dall’Inps. L’unica cosa concreta e reale, la pensione. Fittizio il resto. Falsa l’invalidità dei soggetti in questione. E false le attestazioni certificate per ottenere l’obolo mensile dallo Stato. Un nuovo capitolo sui falsi invalidi si scrive ora a Napoli, ma lontano da Chiaia e da quel Pallonetto di Santa Lucia che, negli anni scorsi, di sani-invalidi ne ha sfornati oltre un centinaio. L’ultima indagine della Procura di Napoli ha acceso i riflettori sul quartiere di Poggioreale ed ha portato all’arresto, all’alba di oggi, di 32 persone. Ognuno dei quali si professava, e certificava, invalido. Ognuno residente nel quartiere dove, e non è un caso, si sono verificati due casi di incendi sospetti. L’ultimo appena due settimane fa, all’interno degli uffici della Quarta Municipalità. Dove, nella notte, sono state accatastate tutte le pratiche di invalidità e sono state date alle fiamme. Ma quei faldoni contenevano solo copie. Gli originali sono infatti custoditi negli archivi della sede dell’Inps. L’inchiesta è stata condotta dal pubblico ministero Giancarlo Novelli, ed è sfociata nelle ordinanze disposte dal giudice per le indagini preliminari Amalia Primavera. Per un blitz portato a termine dai carabinieri del comando provinciale. I reati contestati agli indagati sono: truffa aggravata ai danni dello Stato, contraffazione di pubblici sigilli e falso. I 32 destinatari dei provvedimenti odierni – sostiene l’accusa – avevano riscosso indebitamente pensioni d’invalidità e di accompagnamento causando un danno allo stato di circa un milione di euro. Si allunga l’elenco dei falsi invalidi scoperti nella sola città di Napoli. Da Chiaia a Poggioreale, gli accertamenti disposti dalla Procura hanno portato, fino ad oggi, all’arresto di 201 persone e al sequestro di beni per oltre 5 milioni di euro.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27