Venerdì 22 Ottobre 2021

Cinquanta anni di ricerca, festa di compleanno all’Igb-Cnr

Napoli, 1 marzo 2012 – Si comincia oggi con un simposio internazionale dedicato soprattutto alle cellule staminali. Ma le celebrazioni per i cinquant’anni dell’Istituto di genetica e biofisica-Adriano Buzzati-Traverso del Consiglio nazionale delle ricerche continueranno per tutto l’anno con una serie di appuntamenti di alto profilo scientifico. “Buzzati-Traverso ha avuto un’intuizione importante cinquant’anni fa – dice il presidente del Cnr, Luigi Nicolais – ha avviato la ricerca in un settore che all’epoca sembrava quasi inutile e che invece ha permesso a Napoli di avere un gioiello. Questo evento ci rende orgogliosi e ci permette di guardare al futuro con ottimismo perché siamo stati capaci di fare tante belle cose e saremo capaci farne altre in futuro”. “Ci auguriamo di costruire una storia gloriosa per i prossimi cinquant’anni di questo istituto – dice il direttore dell’Igb, Antonio Baldini – Lo faremo con orgoglio così come siamo orgogliosi dei nostri predecessori e della storia scritta che hanno scritto fino a oggi”. “Rafforzeremo il rapporto di cooperazione con il Cnr e con le istituzioni di ricerca – dice il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, intervenuto al simposio – C’é un rinnovato interesse per la ricerca da parte del ministro dell’Istruzione Francesco Profumo e c’é l’impegno di tutti noi, compreso quello della Regione. Bisogna investire in ricerca, sviluppo e lavoro. In passato sono state fatte cose pessime con tanti soldi. Oggi, in un momento di crisi, con la collaborazione e con il lavoro delle persone si può anche colmare il gap economico”. Ad avvicendarsi al tavolo dei relatori del simposio di oggi, c’erano grandi della scienza mondiale come lo svedese Andres Bjorklund, pioniere nella ricerca per l’utilizzo delle cellule staminali nella medicina rigenerativa e nella terapia delle malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson. E come lo svizzero Walter Gehring autore di ricerche sui geni che controllano lo sviluppo di insetti e vertebrati o del gene che regola la visione in tutti gli animali. E ancora l’uruguagio Claudio Stern studioso dei meccanismi cellulari e molecolari nello sviluppo dei vertebrati e Pier Paolo Landolfi, italiano docente ad Harvard, autore di ricerche sui meccanismi molecolari e cellulari associati alla patogenesi di molte leucemie, linfomi e tumori solidi.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27