Giovedì 13 Maggio 2021

Sì al Termovalorizzatore a Giugliano: brucerà ecoballe

Napoli, 17 marzo 2012 – Intesa raggiunta tra i sindaci dell’area a nord di Napoli e l’assessore all’Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano sulla creazione di un termovalorizzatore nell’area di Giugliano: ieri durante l’incontro con gli amministratori di Giugliano e Villa Literno, Romano è riuscito a strappare l’accordo: sì all’impianto a condizione però che bruci solo le eco balle di Taverna del Re a Giuliano e Lo Spesso a Villa Literno. Un segnale positivo soprattutto all’Europa che guarda all’Italia con occhio vigile per evitare l’avvio della procedura di infrazione: tra i capisaldi dell’intesa per scongiurare la maxi multa c’è infatti la questione dello smaltimento proprio delle eco balle. Un problema che si avvia così alla risoluzione: l’impianto sarà costruito e già nelle prossime settimane il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro provvederà alla nomina del commissario incaricato di seguire la  progettazione e la gara di appalto della struttura. Da Palazzo Santa Lucia precisano che il termovalorizzatore di Giugliano non sostituirà quello previsto a Napoli Est e per io quale è in corso una gara, nonostante la ferma opposizione del sindaco di Napoli Luigi de Magistris. In realtà se la struttura di Giugliano bruciasse anche il tal quale, si potrebbe alleggerire il carico del termovalorizzatore di  Acerra che potrebbe  bruciare direttamente i sacchetti evitando il passaggio negli stir. A questo si potrebbe aggiungere una quarta linea per assicurare l’autonomia della provincia. Per adesso comunque l’accordo si limita allo smaltimento delle eco balle. soddisfatto dunque Caldoro che ritorna però sul decreto ambiente approvato nei giorni scorsi dalla camera dei deputati e al cui interno è stato inserito l’emendamento che regola il trasferimento dei rifiuti fuori regione solo previo accordo con l’amministrazione ricevente: il governatore definisce il provvedimento inutile e ingiusto poiché crea problemi di governante . intanto sul fronte tasse la CONFESERCENTI annuncia battaglia contro i rincari alla Tarsu che la provincia intende addebitare ai cittadini e agli imprenditori: per l’associazione di difesa dei consumatori ulteriori aumenti sono inaccettabili: la tassa sui rifiuti solidi urbani, dicono dall’associazione è una beffa che si aggiunge al danno ambientale, di salute e di immagine che da decenni grava sui napoletani. 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27