Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function '_wp_footnotes_kses_init' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 307

Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function '_wp_footnotes_kses_init' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/class-wp-hook.php on line 307
 Canale Otto Campania » Blog Archive » Fondi per i rifiuti in Canpania, Bruxelles boccia nuovamente l’Italia
Lunedì 15 Luglio 2024

Fondi per i rifiuti in Canpania, Bruxelles boccia nuovamente l’Italia

rifiutiNapoli, 19 aprile 2013- La Corte di giustizia Ue ha respinto  il ricorso con cui l’Italia chiedeva in sostanza lo sblocco dei fondi europei Fesr destinati al piano di smaltimento dei rifiuti in Campania. Lo stop deciso da Bruxelles, secondo la Corte, è legittimo perché direttamente collegato al finanziamento con soldi Ue delle misure al centro della procedura d’infrazione aperta, ovvero la realizzazione del sistema di gestione e smaltimento dei rifiuti in Campania e, in particolare, per la raccolta differenziata. Al centro del contenzioso oggetto della sentenza della Corte ci sono finanziamenti Ue provenienti dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) per 46,6 milioni di euro. Fondi che, secondo il piano operativo presentato dalla Campania e approvato dalla Commissione nel 2000, dovevano servire a cofinanziare la realizzazione delle tante operazioni previste nel quadro del sistema regionale di gestione e smaltimento de rifiuti. Ma nel 2008 Bruxelles – avendo aperto l’anno prima una procedura d’infrazione contro l’Italia per il mancato rispetto della direttiva derivante dalle carenze riscontrate nell’attuazione del piano della Campania – ha deciso di sospendere l’erogazione dei fondi europei. Una decisione contro cui l’Italia ha presentato ricorso alla Corte di giustizia sostenendo che i finanziamenti Fesr erano destinati a specifiche opere e azioni previste nel quadro del piano e non potevano quindi essere bloccati a causa da una procedura d’infrazione che invece non aveva come oggetto specifico le singole operazioni. Una tesi respinta oggi dalla Corte, secondo la quale non si può andare tanto per il sottile e i distinguo sollevati dall’Italia non possono essere accolti. I giudici del tribunale Ue ricordano infatti che la procedura d’infrazione riguardava il piano nella sua interezza ma anche l’insufficienza della raccolta differenziata, un elemento cruciale per una efficiente implementazione dello stesso piano. La Corte di giustizia ha già condannato una volta l’Italia per la gestione dei rifiuti in Campania nel 2010 e ora il governo rischia di essere nuovamente deferito dalla Commissione Ue alla stessa Corte per il mancato rispetto della prima sentenza, un deferimento che questa volta potrebbe essere accompagnato dalla richiesta di sanzioni.

 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27