Martedì 19 Ottobre 2021

I tassisti sconfessano l’accordo con il Comune, esplode la tensione in piazza Municipio: sfiorato il linciaggio dei delegati sindacali

taxi_NapoliNapoli, 20 febbraio 2014 – La guerra non si estinguerà certo con la due giorni di rabbia e tensioni sfociata che ha tenuto banco nel cuore della settimana, paralizzando per ore l’intera città. I tassisti di Napoli annunciano e preparano nuove barricate. La loro rabbia non si concentra solo contro Palazzo San Giacomo. Ora nel mirino ci sono anche i delegati sindacali, accusati di aver firmato un accordo definito “inaccettabile” con la giunta comunale. Accordo a conclusione di un braccio di ferro di tre ore e mezzo, durante le quali si è sfiorato lo scontro fisico tra i circa 200 conducenti di auto pubbliche in attesa ai piedi del Municipio. Al tavolo in Comune sedevano delegati sindacali in rappresentanza di 6 sigle su 20 circa in cui la categoria è divisa. Referente dell’amministrazione comunale, il vicesindaco Tommaso Sodano. La tensione è sfociata quando i sindacalisti hanno comunicato alla base i termini dell’accordo sottoscritto con il Comune. I sei delegati sono stati portati via da alcuni colleghi per evitare l’aggressione fisica. Sconfessato il verbale d’accordo firmato da Unimpresa, Sitan, Uti, Liti, Federtaxi e Confail Taxi. Anche perché non è mutata la condizione principale: il ritiro del Car-sharing, invocato daio tassisti, con l’utilizzo di auto elettriche.

U tassista ha mostrato il proprio dissenso simulando un’impiccagione: ha infilato il collo in un cappio montato nei giardinetti antistanti Palazzo San Giacomo.
Dalla sua, la giunta comunale definisce sperimentale l’uso delle auto elettriche e propone un tavolo di confronto permanente sul servizio taxi e “l’ innovazione nella mobilità cittadina”, oltre ad accogliere alcune delle richieste minori dei tassisti su viabilità e contrasto all’ abusivismo. Troppo poco per una categoria esasperata, che per l’intera giornata ha bloccato il servizio e paralizzato il centro cittadino con due cortei-lumaca andata e ritorno da Palazzo San Giacomo alla Stazione Centrale, tra esplosioni di petardi a ripetizione e fumogeni. La presentazione del Progetto Ci.Ro (8 auto elettriche e 3 Van) da parte del sindaco De Magistris è stata benzina sul fuoco del malcontento dei 2400 tassisti napoletani, circa 800 in più, secondo loro stime, del fabbisogno della città.

 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27