Giovedì 21 Ottobre 2021

“La camorra ci tutela più dello Stato”. L’accusa del fratello di Eddy, il commerciante suicida per una “cartella” da duemila euro. Di Maio: “Un microcredito per non far morire altri artigiani”

20140220_63524_eduardodefalcoPomigliano d’Arco, 24 febbraio 2014 – Alla fine vincono ancora loro. Anche quando non fanno niente. L’Antistato ha la meglio sullo Stato, ancora una volta. E la ragione è tutta nelle parole di rabbia del fratello di Eddy De Falco (nella foto), il titolare 43enne di una pizzetteria di Casalnuovo, che l’ha fatta finita dopo che si è visto comminare un verbale di 2mila euro dall’Ispettorato del lavoro per la presenza irregolare della moglie nel panificio di Casalnuovo. “La camorra gli avrebbe dato più tempo per pagare prima di mandargli in fumo il locale. Il mio Stato, quello cui pago le tasse, gli ha dato solo 24 ore: devo pensare che la camorra tutela più dello Stato”. Arcangelo De Falco,la sofferenza la conosce non  solo attraverso l’esperienza di del fratello Eddy. Arcangelo è uno delle migliaia di operai in Cassa integrazione dello stabilimento Fiat di Pomigliano. Le sue parole le ripete come una litania al cospetto dei commercianti riunitisi in piazza Primavera a Pomigliano proprio per decidere il da farsi dopo il suicidio di Eddy, e al vicepresidente della Camera Luigi di Maio, in piazza Municipio per presentare un’iniziativa del Movimento 5 Stelle, durante la quale ha ricordato il pizzaiolo. Le ripete ai giornalisti, e a tutti mostra il verbale di 1900 euro: ”Ecco perché mio fratello muore – aggiunge – ma non deve morire di nuovo. I miei nipoti e mia cognata Lucia non devono restare soli. Eddy lavorava dalle 5 del mattino alle 10 di sera, da 10 anni non faceva una vacanza: le difficoltà erano troppe, e i miei genitori non si danno pace, come tutti noi. Però ho fiducia nei cittadini, non nelle istituzioni, non nella politica. Mi hanno chiamato in tanti, vogliono dare una mano. I commercianti dicono che Lucia non deve chiudere la pizzeria. Ma da sola non può andare avanti: senza soldi le potrebbero togliere anche i figli”. Per evitare anche questo, la famiglia di Eddy aprirà un conto corrente, e Arcangelo, così come Ciro, papà di Lucia, chiedono a tutti un aiuto per non lasciare soli i tre bambini, una ragazzina di 14 anni e due gemellini di 5 anni. Una preoccupazione che aveva mosso i commercianti di Pomigliano, aderenti all’Aicast, ad indire un raduno in piazza Primavera, dove sono arrivati esercenti anche di Casalnuovo, Afragola, Caivano. ”La moglie non deve chiudere la pizzeria – spiega Ciro Esposito, presidente locale dell’Aicast – quel locale dovrebbe essere il simbolo della crisi che sta uccidendo i commercianti, ma anche un punto per ricominciare. Da parte nostra faremo di tutto per non abbandonare la famiglia”. Tuttavia per il momento il locale resterà chiuso almeno fino a quando la moglie di Eddy non deciderà il da farsi. I commercianti si sono anche rivolti al vicepresidente della Camera chiedendogli ”soluzioni ed iniziative”. Di Maio ha avanzato la proposta di chiedere a tutti i parlamentari della zona, consiglieri regionali, parlamentari, di istituire un fondo anche con Regioni e Comuni per concedere microcrediti locali. Ed intanto ha affermato che entro due mesi, con un fondo costituito dal Movimento 5 Stelle, nel quale i deputati stanno depositando parte dei loro stipendi, i pentastellati istituiranno in ogni provincia italiana sportelli dove i commercianti potranno recarsi per sbrigare pratiche, oppure per ottenere microprestiti che andranno dai 5 mila ai 20 mila euro. ”Conoscevo Eddy – ha detto Di Maio – era uno tosto, e se siamo arrivati a questo punto, significa che siamo in un momento della società in cui anche i duri possono cedere”.  Già, anche i più duri possono cedere. A meno che non ci si rivolga a quell’altro Stato. Quello della camorra che sa aspettare. E che i cittadini sa tutelarli molto meglio di quanto faccia il vero Stato.

(giupor)

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27