Giovedì 13 Maggio 2021

Rifiuti, week-end da incubo

Napoli, 2 aprile 2011 – 3000 tonnellate di rifiuti sulle strade. E’ questa la temuta cifra di immondizia che si prospetta invada le strade di Napoli in questo week end. Attualmente le tonnellate sono 1800 circa, ma la chiusura domenicale degli impianti lascia temere il peggio, nonostante negli ultimi giorni si fosse registrato un lieve miglioramento della situazione, grazie alla riapertura temporanea dello stir di Caivano, che aveva accolto oltre 400 tonnellate di spazzatura. Al momento, secondo Paolo Giacomelli, assessore comunale all’igiene urbana, non c’è necessità di aperture straordinarie degli impianti. I punti caldi della crisi riguardano l’ex stir di Caivano, chiuso da mesi e la discarica cittadina di Chiaiano, in via di esaurimento e al centro di una inchiesta della Dda su infiltrazioni camorristiche nella gestione del sito e possibili perdite di pergolato che inquinerebbero il terreno. Intanto tra i cittadini continuano le proteste: ieri la rivolta è esplosa nel mercato ortofrutticolo di Fuorigrotta, dove gli abitanti, esasperati, hanno ribaltato in strada interi cassonetti, bloccando completamente il traffico. Monta la protesta anche tra gli operatori turistici che in occasione della borsa mediterranea del turismo aperta ieri a napoli, denunciano la situazione invivibile della città. E annunciano già una plateale manifestazione, una volta conclusa la Bmt, in ragione della continua chiusura di strutture ricettive a causa di rifiuti e degrado, che quasi azzerano gli arrivi. Il turismo in Campania resta dunque al palo, anche se c’è chi, ottimista, preannuncia un anno positivo per il settore. Infine, dal fronte istituzionale arrivano le dichiarazioni del ministro della salute Ferruccio Fazio, che intervenuto a Napoli ad un convegno sul piano sanitario, ha ribadito che in Campania non ci sono rischi di epidemie e i dati sono tranquillizzanti, almeno stando ai risultati del Sebiorec, Studio epidemiologico Biomonitoraggio Regione Campania, sulla presenza di diossine e altre sostanza tossiche tra gli abitanti di 16 comuni a rischio nel napoletano e nel casertano. Lo studio è stato svolto nel 2007 su 900 campioni di sangue e 60 di latte materno, e sarà presentato a Napoli il prossimo 7 aprile.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27