Giovedì 21 Ottobre 2021

Tarsu: due campani su tre non pagano

Napoli, 19 ottobre 2011

È la tassa più odiata d’Italia, specie al sud. Stiamo parlando della Tarsu, la tariffa sui rifiuti solidi urbani. Da un dossier sugli incassi dopo i rincari emerge che gli introiti sono in realtà dimezzati. In provincia nel 2010 solo il 45 per cento degli abitanti ha versato la tassa: dei 125 milioni e 869 mila euro, ne sono stati riscossi appena 45 milioni e 628 mila. In pratica, due su tre non pagano. A Napoli città le cose vanno un po’ meglio: a fronte di un dovuto di quasi 42 milioni di euro, ne sono stati versati un po’ più della metà, quasi 22 milioni. Medaglia d’oro alla riscossione va al comune di Anacapri che grazie al recupero in proprio è riuscito a versare quasi tutto il dovuto. Per cercare di rastrellare la tassa si provvederà al pagamento in mora e alla riscossione coatta, che dovrebbero portare ad un 70% di introito. Poche speranze sul restante 30, composto principalmente da nulla tenenti che non temono Equitalia. Inoltre, se è vero che la legge impone entro il 31 dicembre 2011 che le province subentrino ai comuni nella raccolta di spazzatura e nella riscossione delle tasse, è altrettanto vero che ad oggi il 20% delle amministrazioni comunali non ha risposto all’appello, in vista di una probabile deroga prospettata nel prossimo decreto mille proroghe. Napoli e Salerno, comunque, hanno già fatto sapere di non essere pronte al subentro, Avellino, Benevento e Caserta, quest’ultima in extremis dicono di aver già organizzato il servizio. Non sapere chi dovrà riscuotere non fa altro che allungare i tempi di recupero delle somme che occorrono  per pagare le spese, il personale, i bidoni, i trasporti e la raccolta di percolato. Infine, dal fronte istituzionale interviene il presidente della provincia di Napoli Luigi Cesaro, che parla di monitoraggio della situazione e valutazione dei dati per capire l’andamento dell’evasione della Tarsu ed operare i dovuti interventi.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27