Martedì 28 Settembre 2021

Mazzarri: “Ora puntiamo al campionato”

Io mi identifico in questa squadra, e credo che anche i giocatori si sentano in sintonia con il loro allenatore. E’ questo il segreto di questi anni di successi, io ringrazio sempre i miei giocatori, perchè è grazie a loro che sono arrivato dove sono arrivato. Sento mia questa squadra fino in fondo”

11.50 – Come valuti l’apporto di Inler e Dzemaili?

“Hanno una caratteristica che l’anno scorso ci mancava a centrocampo: il tiro da fuori. L’hanno dimostrato proprio nelle ultime partite, sono situazioni che ci portano punti là dove l’anno scorso non riuscivamo a sbloccare certe partite. In fase difensiva? Si, sono soddisfatto anche lì. E’ vero, qualcosa perdiamo, ma se avessimo messo solo due incontristi probabilmente in Champions non saremmo andati così bene. Hanno determinate caratteristiche che a volte ci espongono a pericoli, ma dobbiamo abituarci”

11.49 – Grava è recuperato per il turn over?

“E’ sempre stato importante, devo valutare se portarlo in panchina al posto di Fideleff. Ma vi dico sin da ora che in difesa giocheranno quasi sempre gli stessi calciatori, è dalla retroguardia che si costruiscono le vittorie di una squadra”

11.47 – Ti preoccupa il sintetico del Piola?

“No, mi hanno detto che è un campo perfetto. Domani mattina lo proveremo, ma l’abbiamo già visto a Cesena, e dissi ai ragazzi che non avevano più scusanti: una squadra forte tecnicamente su questi campi lo può dimostrare sempre”

11.45 – Questa vittoria può far crescere il Napoli dal punto di vista psicologico?

“La squadra sta facendo passi importanti in avanti. L’abbiamo già visto con il Lecce, alla vigilia di una partita così importante con il Villarreal. Il cambio di mentalità s’è già fatto, l’anno scorso abbiamo fatto nove vittorie esterne. Adesso dobbiamo capire che serve la stessa adrenalina in tutte le partite”

11.44 – Il motivo di quel primo tempo scialbo della squadra con il Villarreal?

Avevamo paura che da come erano partiti loro ci potessero far gol. Abbiamo studiato per capire come giocare il secondo, cercando di giocare come sappiamo, io nell’intervallo ho detto ai ragazzi di fare le solite cose, in più evitando di perdere tempo e facendo capire loro che noi volevamo fortemente questa vittoria”

11.43 – A destra Maggio o Zuniga?

“Partono alla pari, devo decidere ancora chi far giocare”

11.41 – Chi preferiresti al sorteggio?

“Non ci voglio pensare. Non voglio essere distratto da nulla, pensiamo al campionato e poi alla coppa Italia”

11.40 – Qualcuno ti ha paragonato a Mourinho o a Dan Peterson. E’ gratificante?

“Io faccio qualsiasi cosa affinchè la mia squadra vinca le partite. Sono pronto anche a dormire all’addiaccio! Quella partita noi la dovevamo vincere, loro che con accanimento perdevano tempo. Il mio atteggiamento voleva essere un imput ai miei giocatori e anche all’arbitro. La prima scorrettezza io l’ho subita, poi reagendo con quella spintarella ho cercato di far capire ai miei calciatori che non bisognava perder tempo”

11.38 – E’ motivo di orgoglio sapere che anche Tesser cambierà modulo per cercare di arginare il Napoli?

“Non è stato l’unico. Lo stanno facendo tutti, hanno capito che a volte il gioco del Napoli non è contrastabile. Abbiamo sempre qualche soluzione diversa, gli altri cercando di adattarsi a noi. Questa è una grande nota di merito che ci ha portato a passare il turno nel girone della morte, da squadra italiana che ha fatto più punti. Abbiamo messo sotto squadroni di livello europeo, smentendo anche qualche santone che ci aspettava al guado dell’Europa per vedere se il nostro gioco era redditizio”

11.34 – Nelle tue scelte inciderà la diffida di Lavezzi invista della Roma?

“Non possiamo fare questi calcoli. Non è detto che la gara con la Roma sia più difficile di quella con il Novara. Se ho bisogno di Lavezzi, giocherà, indipendentemente dalla diffida. Il tipo di gioco che fa il pocho è meno dispersivo di energie rispetto ad altri ruoli. Lui si allena giocando, e mentalmente subisce meno lo stress rispetto a un difensore per esempio. Tengo conto anche di questi aspetti, non solo di quelli fisici”

11.31 – Cosa deve succedere per avere una maggiore continuità in campionato?

“Non è una questione di uomini. Intanto c’è un dato oggettivo, quello che si giocano tantissime partite. Ho il rimpianto della partita con la Juve, se non fosse stata la quarta partita consecutiva per molti l’avremmo portata a casa. Bisogna tenere alta la concentrazione anche quando il fisico non regge, dobbiamo imparare a gestire le gare”

11.29 – Lavezzi può diventare più finalizzatore? Dzemaili e Pandev sono ormai due titolari?

“A Vila Real è stato molto sfortunato. Era riuscito con una semi rovesciata a indovinare l’angolino. Sta migliorando nell’unico aspetto dove doveva migliorare. Sono molto contento che Dzemaili si sia sbloccato anche dal punto di vista realizzativo, ha un tiro importante da sfruttare. Pandev è all’altezza degli altri tre davanti, domani dovrebbe partire dall’inizio”

11.26 – Pandev giocherà? E Inler come sta?

“Gokhan è da valutare, oltre l’influenza si porta dietro ancora quel problemino alla costola. Anche Gargano non è al meglio, mentre Pandev è uno dei candidati a giocare. I giocatori più impiegati da me, dopo la terza partita devono riposare. E infatti contro la Juve per alcuni era la quarta partita e nel finale abbiamo accusato la stanchezza”

11.25 – Novara e le due in casa con Roma e Genoa sono una buona occasione per fare un passo avanti?

“Siamo una squadra capace di battere super potenze del calcio, ma siamo anche quelli che a volte davanti a valori meno importanti qualche volta abbiamo toppato. A Vila Real, su un campo difficile e dove affrontavamo un avversario che l’ha messa sul piano fisico con falli e quant’altro abbiamo fatto il nostro gioco e abbiamo vinto la partita. Il campionato è lungo, ma giocando come sappiamo andremo molto avanti”

11.24 – Con la mente sgombra dalla Champions adesso l’obiettivo è riconquistare qualche punto in campionato?

“Ieri abbiamo fatto defaticante per cercare di staccare un pò la spina. Sappiamo che il Novara è una forte insidia per il nostro campionato”

11.23 – E’ arrivato il tecnico

11.10 – Avrà inizio tra qualche minuto la consueta conferenza stampa prepartita di Walter Mazzarri

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27