Sabato 25 Settembre 2021

Regione, meritocrazia per dirigenti partecipate

Napoli, 1° dicembre 2011- Lodi e soprattutto, e compensi ai meritevoli, fuori gli inefficienti. E’ questa  la nuova linea dura al vaglio della Regione Campania che ha deciso di far proprio il modello usa per ridisegnare i rapporti soprattutto economici, con gli amministratori delle partecipate di Palazzo Santa Lucia. In pratica il sistema comporterà all’atto di assunzione dei manager livelli di retribuzione minimi incrementabili in relazione ai risultati già pianificati e raggiunti in un triennio. Compensi dunque bassi che potrebbero diventare altissimi se si lavora in maniera eccellente. Il là alla black list di buoni e cattivi dirigenti viene da anni di errori e incompetenze pagate dai cittadini, e che hanno portato a deficit record. Per fare qualche esempio, è ben nota la drammatica situazione della sanità in Campania che sino al 2005 ha accumulato debiti per 4,8 miliardi di euro aumentati negli anni successivi. per non parlare del settore trasporti dove l’Eav completamente pubblico ha un esposto con le aziende private di 500milioni di euro. Della lunga lista di pessime gestioni val la pena citare il settore ambiente dove Astir, Arpac e Arpac multi servizi hanno accumulato un deficit che sfiora il mezzo miliardo. Al di là del danno economico, i debiti portano a numerosi disservizi per i cittadini, che vanno dagli scioperi dei farmacisti non pagati a quelli dei dipendenti dei mezzi di trasporti senza stipendio, sino ai sit in davanti palazzo san giacomo dei lavoratori ambientali. Una situazione a cui l’ente regionale ha deciso di dire basta, con buona pace di tutte le forze politiche del consiglio regionale, adottando la nuova linea direttiva che riempie il solco di inadeguatezza riempito negli anni da dirigenti stra-pagati che spesso hanno fatto più danni che profitti. Il tutto per un sistema meritocratico che da eccezione potrebbe così finalmente diventare la norma.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27