Sabato 27 Novembre 2021

A Scampia la camorra impone il coprifuoco

Napoli, 30/01/12 – Negozi chiusi prima delle otto di sera. Prima delle 22 invece i bar. Il coprifuoco che investe l’area nord di Napoli da Melito a Scampia, lo impone la camorra. Le donne devono limitare le uscite di giorno e evitare categoricamente quelle serali. La zona off limits va da via Monterosa alla 167 di Secondigliano sino al rione don Guanella e a Miano. Nel territorio della malavita i cittadini sono costretti ad osservare scrupolosamente le regole della camorra, guai a trasgredire. Dopo i morti ammazzati cinque dall’inizio dell’anno, è chiaro che la cosiddetta faida è in realtà il gioco spietato per il controllo delle piazze di spaccio della droga, un business milionario che impone la libertà per i clan di colpire i nemici senza che ci siano spargimenti di sangue di morti innocenti che attirerebbero l’attenzione di stato e forze dell’ordine in un territorio che deve invece restare libero. Pare che il coprifuoco annunciato con un porta a porta rigoroso sia stato imposto dal cartello Abbinate- Abate che durante la faida aveva voltato le spalle ai di lauro schierandosi con gli scissionisti. Per poi trovarsi al centro del fuoco incrociato tra dei vecchi scissionisti e dei nuovi, degli storici del clan Licciardi e degli stessi Di Lauro, mai scomparsi ma solo dediti ad attività meno sanguinose. Il controllo della droga giustifica e annuncia una guerra che travalica i confini della vivibilità costringendo ognuno a restare a casa, come nelle guerre mondiali, come i coprifuoco di un secolo fa. Allora il terrore era di un nemico straniero. A Scampia lo stesso terrore è nei confronti dei volti noti della camorra che si incontrano per strada, quelle strade che dopo gli ultimi avvertimenti saranno sempre più vuote e a disposizione degli omicidi tra clan rivali.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27