Sabato 24 Luglio 2021

Irpef, aumento record in Campania

Napoli, 30 gennaio 2011 – Mani nelle tasche si diceva e mani nelle tasche sia. Eccola la manovra lacrime e sangue. Eccola a partire da un acronimo che oggi fa terrore al solo nominarlo: Irpef. Busta paga o pensione alla mano, si materializza il signor Monti con la sua manina che preleva. E’ con la mensilità di gennaio che si registra il primo effetto della manovra per il pareggio di bilancio approvata alla fine dello scorso anno. E’ l’incremento dell’addizionale regionale Irpef deciso dal Governo. E la Campania è la regione dove l’aumento sarà maggiore. Un ritocco che, in generale, porta l’aliquota di base dal 0,9 al 1’33 per cento, in tutte le Regioni, per una maggiore imposta complessiva pari a circa 2.2 miliardi. Oltre la Campania, in altre due regioni, Calabria e Molise, l’aliquota sale dal 1,23 per cento di base al 2,03 per tutti i cittadini indipendentemente dal livello di reddito. Una differenza importante, rispetto alle altre regioni che pagano un prezzo più basso in quanto virtuose e con un piano di spesa e di bilancio comunque a buon punto. In realtà la misura contenuta nel decreto, cosiddetto, salva-Italia, è retroattiva, nel senso che fa riferimento ai redditi del 2011, pur essendo stata decisa alla fine dell’anno. Ma l’effetto sui contribuenti si manifesta soltanto ora, in virtù del fatto che per lavoratori dipendenti e pensionati, a differenza di quanto avviene con l’Irpef statale, la trattenuta è effettuata a saldo di undici rate mensili sull’importo dovuto all’anno precedente. Dunque, da gennaio a novembre di quest’anno si versa l’addizionale regionale 2011. Per i lavoratori autonomi, la quota addizionale sarà versata a giugno con la dichiarazione dei redditi. Tornando alle tasche e facendo i conti in soldoni, si calcola che per un lavoratore con reddito contenuto entro i 20mila euro l’incremento vale da solo 66 euro l’anno, mentre per uno che arriva a 50mila euro, la maggiorazione sarà di 165 euro. Ed è solo un paragrafo del decreto salva-Italia.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27