Venerdì 18 Giugno 2021

“Napoletani popolo di straccioni”. E parte la rivolta contro l’articolo incriminato.

Napoli, 27 febbraio 2012 – “Napoli è la città più bella del mondo chi non la pensa così è perche non sa cosa sia Marechiaro o la straordinaria bellezza del Golfo” e giù a citare letterati e poeti. Inizia così il tentativo di presa in giro ai napoletani, che quelle cose le sanno già, da parte giornalista de Il Tempo Giuseppe Sanzotta messo in atto per rimediare alla gaffe della collega Fabrizia Argentieri. Il guaio l’ha fatto lei che all’indomani del match Napoli-Chelsea vinto per 3 reti a uno dai partenopei celebra la vittoria con un articolo comparso sulla versione on line del quotidiano Il Tempo, appunto, dove sciorina nozioni storico- calcistiche da nostalgici del pibe de or che paragona poi al Pocho Lavezzi. Un articolo senza infamia né gloria che però colpo di scena finale tira in ballo le superstizioni napoletane grazie alle quali in Napoli l’avrebbe spuntata sul Chelsea, anche se è davvero complicato capirne il nesso. La Argentieri va però oltre e anticipando le speranze londinesi dei tifosi partenopei la butta sui luoghi comuni dal lontano sapore storico e scrive:  “Però sognare è lecito. Persino ai napoletani. Un popolo costretto a soffrire. La disoccupazione e la camorra”. Non contenta, incalza: “E andando a ritroso nella storia la fame, il colera, la carestia, l’occupazione nazista e quella alleata, sino la dominazione straniera. È per questo che i napoletani festeggiano tanto”, afferma lei, “A loro, popolo di straccioni, basta aver stracciato per una sera i ricchi e blasonati inglesi dell’aristocratico quartiere londinese di Chelsea. Insomma, basta aver goduto una notte. Perché solo di notte i sogni si possono avverare”. Una chiosa tanto patetica e retorica quanto fuori luogo che forse data la firma semi sconosciuta dell’autrice del pezzo sarebbe anche passata inosservata ai più, ma di certo non ai tifosi più sanguigni soliti al giro di ricognizione sul web per leggere le glorie della propria squadra. E sono stati proprio loro ad imbattersi nell’articolo offensivo a cui hanno prontamente risposto per le rime, a partire dai commenti di chi descrive il tutto come un tentativo da parte dell’argentieri, di uscire dall’anonimato scrivendo sciocchezze. E da lì la già citata replica del Sanzotta che forse avrebbe fatto meglio a tacere o magari a scusarsi a nome soprattutto della testata. Insomma, fatta la gaffe meglio le scuse anziché buttarla sul solito “avete capito male”. Un consiglio da colleghi e anche  da napoletani.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27