Domenica 11 Aprile 2021

La Coppa America ai minimi “termini”

Napoli, 22 marzo 2012 – Orzare, bolina, cazzare e strambata. Alzi la mano chi conosce il significato di almeno uno di questi termini. Eppure dal prossimo 7 di aprile in concomitanza con le World Siries di Coppa America il lessico velistico, perché di questo si tratta, entrerà di prepotenza nei notiziari di Napoli e dintorni. Tanto vale dunque imparare già da adesso per non ritrovarsi in imbarazzo nei giorni delle pre regate. A partire dai termini più ostici: senza andare troppo nel dettaglio per non complicare le cose, iniziamo dalla bolina ossia l’andatura alla quale la barca naviga contro vento. Con il termine cazzare, notoriamente conosciuto grazie ad un famoso film della saga fantozziana, si intende la regolazione delle vele attraverso apposite corde. Mettersi in copertura significa invece togliere vento all’avversario oppure seguirne la direzione. Orzare significa direzionare l’imbarcazione verso il vento e restando in tema di manovra sarà facile imbattersi nella strambata, ossia nella delicata manovra tesa a cambiare rotta alla barca o ad aggirare una boa. Per quanto riguarda le figure della vela, il più famoso è sicuramente lo skipper, ossia il responsabile di tutta l’imbarcazione da non confondere con lo spinnaker che è invece un tipo di vela simile alla gennaker, mentre gli unpair sono i giudici di gara. Se sentiamo poi parlare di genoa non ci riferiamo di sicuro ai giocatori rosso blu ma ad una vela di prua triangolare. Con mura si intende il lato della barca investito dal vento, per la cronaca chi ha mura a dritta ha il diritto di precedenza.  Il tangone è invece l’asta fissata sull’albero e usata per dare il punto di mura a spìnnaker e genneker e la gomena è il cavo di canapa usato per il rimorchio o l’ormeggio delle navi. Più semplici i termini che esplicitano il loro senso, come il timoniere, colui che guida l’imbarcazione, la virata che si compie per cambiare rotta con vento contrario o il tattico, ovvero la strategia di bordo. Naturalmente il glossario del perfetto esperto di vela è molto più ampio ma le basi sono fin qui gettate: saranno le pre regate poi ad insegnarci cos’è una drizza, un vang  o una boma.

 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27