Martedì 4 Ottobre 2022

Asl Napoli 1, il commissario Maurizio Scoppa: “Bilancio risanato”

Napoli, 26 maggio 2012 – A Napoli, meno di un anno fa, la Regione Campania ha dato carta bianca ad un alto ufficiale dell’Arma dei carabinieri chiamato alla guida delle Aziende sanitarie locali più indebitate d’Italia. Niente manager, niente dirigenti “lottizzati” dalla politica, dunque. Ma un commissario dal pugno di ferro: l’ex generale Maurizio Scoppa proveniente dalle fila della Benemerita.Da nove mesi, Scoppa  siede su una sedia che scotta: quella di commissario dell’Asl Na1. La più grande d’Italia. Un pozzo senza fondo, che ha accumulato un miliardo e trecento milioni di euro di debiti consolidati e un disavanzo (al 2010) di 460 milioni. A poco meno di un anno dall’insediamento, la riorganizzazione dei dipartimenti e la ristrutturazione delle procedure amministrative (unite a una dieta dimagrante choc anti-sprechi) hanno portato a un sensibile miglioramento della situazione. Nel 2011, il debito corrente è stato più che dimezzato, assestandosi a 298 milioni (-55%). In particolare, il commissario Scoppa ha ridotto del 10% i costi per l’acquisto di beni e del 5% quelli per i servizi, mentre il costo per il personale è stato abbattuto del 20%. C’è stato poi il dimezzamento delle spese dovute a pignoramenti, grazie alla velocizzazione dei pagamenti fermi in tesoreria. E, proprio pochi giorni fa, l’Asl Na1 ha firmato accordi transattivi con i creditori per ulteriori 100 milioni di euro. A far sgonfiare le spese anche un’attenta gestione delle strutture e della governance aziendale: addio alla sede del Centro direzionale (1 milione di euro risparmiato ogni anno) e disco verde alla riunificazione degli uffici nelle strutture di proprietà dell’azienda.

Immagine anteprima YouTube

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27