Mercoledì 30 Novembre 2022

Dal bluff America’s Cup a un vero impianto compost, bufera su Bagnoli

Napoli, 18 maggio 2005 – La Bagnoli che divide, ma che intanto resta ferma. Dalla Coppa America, la prima, quella della gestione Jervolino ma che le fu strappata da Valencia, a una cittadella di rifiuti. Andando più indietro, ma anche più avanti, si può dire che in cinquant’anni “si è passati dall’Italsider alla Bagnoli spa, poi alla Bagnolifutura e, adesso, a un impianto che raccolga rifiuti tra trasformare in compost, ovvero in concime”. Quel che è certo, ad ora, è che lo sviluppo dell’area stenta a decollare”. E’ quanto dichiara Rudy Girardi, presidente Acen, che riferisce della preoccupazione dei costruttori napoletani in un quartiere nel quale si rischia di perdere, ancora una volta, un’occasione di sviluppo e di lavoro. Basta annunci. Basta cambiamenti di rotta. L’Acen chiede le minime condizioni perché ci siano investimenti, perché i capitali arrivino e restino a Bagnoli. Dunque, progetti concreti, condivisi e con adeguata dotazione di risorse. Non dissimile la posizione di Giorgio De Francesco presidente X Municipalità, secondo il quale “dalla Coppa America ai rifiuti, questa amministrazione ha fatto fare a Bagnoli un salto verso il basso”.

La risposta non si fa attendere. Il vicesindaco Tommaso Sodano, entra nel merito del progetto e ricorda che a Napoli “si producono circa 150 mila tonnellate di frazione umida l’anno. L’idea è quella di creare tre mini-impianti di smaltimento a Scampia, a Napoli Est e a Bagnoli. Quello di Bagnoli sarà un impianto anaerobico, piccoli capannoni che non produrranno miasmi, visto che lavorano in assenza di ossigeno. E gestirà – sottolinea Sodano – non più di 35 mila tonnellate di rifiuti l’anno, quindi nessun aumento di camion nel quartiere, ma una razionalizzazione, con un Eco-distretto che invece di incenerire i rifiuti li valorizzerà, recuperando materia e creando posti di lavoro e sviluppo”. Si ragiona sulle possibili conseguenze. L’impianto di smaltimento dei rifiuti rischia, infatti, di rendere meno appetibili quei suoli, che già si vendono a 1300 euro a metro quadro. E dunque, il rischio resta il futuro reale del quartiere. Uno sviluppo che deve necessariamente passare per investimenti che potrebbero rivelarsi più timidi per la presenza di monnezza.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27