Domenica 7 Agosto 2022

Narcos di Polverino e kamikaze di Al Qaeda, c’è l’inchiesta

Napoli, 11 giugno 2012 – Un pomeriggio a pranzo. A tavola, tre uomini del clan Polverino e due marocchini, uno dei quali si fa chiamare Armando. Si parla di droga, traffici di droga, hashish in particolare. Gli uomini di Armando viaggiano con imbarcazioni veloci dal Marocco alla Spagna, tappa intermedia prima del terminal Campania. Squilla il telefono di Armando. Al termine della conversazione, il marocchino fa riferimento a qualcosa di grave che sarebbe accaduto utilizzando degli aerei, ma pure su treni in Spagna. Correva l’estate del 2001. Meno di un mese dall’11 settembre e dall’attentato alle Torri Gemelle. Bisognerà attendere l’11 marzo del 2004 perché quattro treni regionali vengono fatti esplodere alla stazione di Madrid. A raccontare quel pranzo con telefonata è stato uno dei commensali, Biagio Di Lanno, 32 anni, alias “’a papera”, arrestato un anno fa 2011 e divenuto collaboratore di giustizia. E’ ritenuto un trafficante di droga. Ma oggi è l’uomo chiave di un’inchiesta che punta ad annodare i fili di un legame tra la camorra maranese e cellule islamiche di Al Qaeda. Intrecci nati in nome della droga. E’ la gestione dell’import di hashish dal Marocco all’Italia che porta Di Lanno e gli altri affiliati a incrociarsi con Rachid, il più noto Armando, arrestato nel febbraio scorso, insieme con altre 22 persone, tra la Spagna e Marano, roccaforte dei Polverino, con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga e di associazione camorristica. Di Lanno dice di più. Il pentito avrebbe infatti riconosciuto nella persona che era con Rachid in quel summit nell’estate del 2001 uno dei kamikaze che hanno dirottato gli aerei che si sono schiantati sulle Torri gemelle.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27