Mercoledì 22 Maggio 2024

La faida di Scampia a Melito, si dimette il sindaco

Melito, 21 settembre 2012- Nelle prime settimane dell’anno gli episodi piu’ feroci.  Prima Rosario Tripicchio, poi Patrizio Serrao massacrati a Melito nell’ambito dello scontro per il controllo delle piazze di spaccio. Da pochissimo entrambi avevano lasciato Secondigliano  per trasferirsi nel comune dell’hinterland partenopeo, una precauzione che non è servita. Nello stesso ambito  gli investigatori riportano gli omicidi di Raffaele Stanchi e Luigi Monto’ i cui cadaveri carbonizzati vennero trovati in auto parcheggiati davanti al cimitero di Melito. Insomma la succursale degli scissionisti pare essersi spostata secondo gli inquirenti da Scampia al comune dell’hinterland partenopeo dove la camorra fa sentire sempre di piu’ la sua pressione. Pressione che ha portato alle dimissioni del sindaco di Melito ,Venenzio Carpentieri, 36 anni esponente  del Pd che ha presentato la lettera di dimissioni  per poi  presentarsi in prefettura dove ha raccontato delle ingerenze esterne della criminalità organizzata che ha tentato fin dai primi giorni della sua amministrazione di contrastare. Ma al termine di un sequenza di gravi episodi, vale a dire una serie di minacce che non hanno risparmiato consiglieri di maggioranza ed opposizione, Carpentiri ha presentato le sue dimissioni; ma come lui stesso ha tenuto a precisare non ha  gettato la spugna ma intende alzare l’attenzione sul comune di Melito. Insomma l’inizio di una battaglia contro la criminalità organizzata che da Scampia e Secondigliano si sta espandendo nei comuni vicini, appunto Melito ma anche Mugnano e Casavatore. Primo atto della battaglia per strappare Melito alla camorra, l’apertura di uno sportello antiracket  che il sindaco farà nei prossimi giorni prima che le sue dimissioni diventino effettive.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27