Mercoledì 17 Aprile 2024

Bagnolifutura, all’esame del consiglio comunale una delibera per la sopravvivenza

Napoli, 16 ottobre 2012 – Nell’aula del consiglio comunale di via Verdi, arriva la delibera sulla Bagnolifutura. E i consiglieri dovranno decidere se fare vivere la società o abbandonarla al suo destino, sul groppone della stu pesano 330 milioni di esposizioni debitoria verso le banche. La delibera in discussione oggi, rivista e corretta, contiene due punti qualificanti. La stu opererà solo su Bagnoli ma rispetto al passato potrà valorizzare e costruire in loco. In secondo luogo la giunta ha detto sì alla patrimonializzazione, ovvero al conferimento della Porta del parco. Nella sostanza è la garanzia da dare alle banche per non chiudere i battenti. Una scommessa forte sulla quale c’è stato e c’è dibattito e dialettica interna accesa. Nel caso di fallimento della stu la Porta del parco non sarebbe più di proprietà pubblica. Il sindaco Luigi de Magistris  ci crede e si aspetta dall’asta dei suoli un segnale dall’imprenditoria napoletana. “Quella di stamane”, ha detto il primo cittadino nel corso del suo intervento in aula, “più che delineare il futuro di Bagnoli, tema sul quale si discuterà in un Consiglio monotematico, è una decisione di natura tecnica e morale per garantire la sopravvivenza della Società di Trasformazione Urbana che, così come comunicato dal CdA, entro dicembre consegnerà molte delle opere realizzate, a partire dal Parco dello Sport. Il fallimento di Bagnolifutura, invece, metterebbe in altre mani le decisioni sulla società e coinciderebbe con uno sperpero di denaro pubblico”. “L’intenzione dell’Amministrazione non è quella di privatizzare la società né di farne una “società omnibus”, ha concluso il sindaco, “ma di rivederne la missione, obiettivo per il quale, dopo la scelta tecnica, si dovrà, superando l’immobilismo, attivare la discussione politica sul futuro all’area di Bagnoli”. Il dibattito ha visto gli interventi di Fiola (Pd) per il quale è “possibile trovare altre soluzioni per evitare il fallimento della società”, Lettieri, capo dell’opposizione di centrodestra che si è detto “sconcertato dalle scelte compiute con la delibera, scelte contraddittorie e non chiare sul destino della società mentre, per salvare Bagnoli, non servono tecnicismi ma soldi”.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27