Martedì 16 Agosto 2022

Omicidio Barbato, passata al setaccio da polizia e carabinieri la casbah della Vanella Grassi

Killer professionisti disposti a tutto pur di portare a termine la loro missione di morte loro affidata dal tribunale della camorra. Killer che hanno agito a meno di cinquanta metri da una stazione dei carabinieri e a meno di dieci da una scuola elementare frequentata da centinaia di bambini. Potrebbe essere sintetizzata così l’ultima pagina dell’infinita mattanza di camorra che da mesi sta insanguinando Scampia, Secondigliano e i comuni dell’area metropolitana a nord di Napoli.Circa dieci i colpi esplosi contro Salvatore Barbato, 27 anni, verosimilmente obiettivo dei sicari, e contro Luigi Russo, 42 anni, ricoverato all’ospedale Cardarelli in gravi condizioni ma non in pericolo di vita. Stavano percorrendo a piedi Largo Macello quando sono stati sorpresi dai sicari. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima è probabile facesse parte dei ‘Vannella Grassi’, i cosiddetti ‘Girati’ in ‘guerra’ con gli Scissionisti per il controllo del traffico di droga.I colpi, quelli di un intero caricatore di una pistola semiautomatica, li hanno sentiti tutti in largo Macello, nello spiazzo, dedicato a San Gaetano Errico, patrono di Secondigliano, all’incrocio tra via Ciro Impronta e via Tessitori di seta. Presumibilmente l’obiettivo dei sicari era proprio Barbato. Di lui parlano in recenti atti giudiziari, che sono oggetto d’indagine della Dda, anche alcuni collaboratori di giustizia indicandolo come personaggio molto vicino al gruppo della Vannella Grassi. Era conosciuto nel quartiere con il soprannome di «mezzanotte». Jeans, scarpe da ginnastica e berretto blu, al momento dell’agguato Barbato stava parlando con l’amico, Luigi Russo, poi colpito ad una spalla. Tutto a pochi metri da via Vanella Grassi, piazza di spaccio al centro della nuova faida. È qui che, in serata, poche ore dopo l’agguato, i poliziotti del locale commissariato, coordinati dal vicequestore Antonio Cristiano, sono partiti con una serie di accertamenti e controlli a tappeto alla luce di alcune informazioni raccolte sul campo.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27