Sabato 25 Giugno 2022

Fiat, la guerra ricomincia. La Fiom torna a Pomigliano con una nuova Rsa

Napoli, 29 dicembre 2012 – Diciannove che entrano. Forse diciannove che escono. Ma la battaglia di Pomigliano è ancora tutta da scrivere. Lo scontro sindacale non si chiude con la sentenza del giudice del lavoro. Sono stati eletti, intanto, 8 nuovi delegati della nuova Rsa Fiom, che andranno a rappresentare il sindacato all’interno della fabbrica. E le azioni delle tute blu della Cgil non si chiudono qui. Un contenzioso resta aperto. Ovvero, quello di licenziare i 19 operai già assunti, proprio per fare spazio ai 19 Fiom. Il sindacato dei metalmeccanici non ci sta. E si unisce alla battaglia già aperta dalle altre sigle sindacali. Le proteste, nel frattempo, non hanno fermato i vertici del Lingotto che, dalla loro, hanno già avviato le procedute di mobilità dei 19 lavoratori. La Fiom, frattanto, ha investito della questione il Tribunale di Roma, lo stesso che ha emesso la sentenza per l’assunzione dei 19 Fiom, accusando la Fiat di discriminazione nei confronti degli iscritti alla sigla sindacale. Si fa appello alla norma che prevede espressamente che non si possa sanare una discriminazione perpetuandone un’altra. Senza dimenticare che ad attendere un’assunzione a Pomigliano ci sono altri 2.300 lavoratori, che secondo le promesse fatte dall’azienda dovrebbero essere tutti reinseriti in fabbrica. “Anche perché per loro – informa ancora la Fiom – a luglio scade la cassa integrazione e per quella data la Fiat dovrà aver deciso cosa fare, perché altrimenti si tratterà di mettere in campo una cassa in deroga, che sarebbe un nuovo costo inflitto alla collettività”. Il tutto avendo ben presente una certezza: il lavoro a Pomigliano scarseggia, e da oggi fino al 10 dicembre i lavoratori assunti andranno in cassa integrazione. Non solo, al loro ritorno sono attesi una settimana di lavoro e poi un nuovo stop.

 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27