Lunedì 24 Giugno 2024

Regione Campania, stipendi tagliati a governatore e consiglieri. E multe di 150 euro agli assenti ingiustificati alle riunioni del Consiglio

Napoli, 22 dicembre 2012 – Nella sua personalissima spending review, la Regione Campania cerca e trova un modello d’ispirazione. E cerca cerca, ecco che sulla strada del risparmio e del contegno c’è la Toscana. E allora il primo taglio sarà uno di quelli che non possono non incontrare consensi, visto che si va a mettere mani alle spettanze dei consiglieri regionali. Come accade nella terra di Dante, dal primo gennaio prossimo gli esponenti dell’assise campana guadagneranno appena appena (si fa per dire) 6.200 euro netti al mese. Insomma, a dirlo a un cassintegrato o ad un precario, che per questa somma devono spezzarsi la schiena a volte quasi per un anno intero, c’è poco da esultare. Colpisce solo quando si va a comparare la cifra a quei 9.200 euro netti al mese che i consiglieri campani hanno guadagnato e guadagnano ancora oggi. Tant’è, forse la misura servirà a quietare un po’ le acque dopo le inchieste della magistratura sui rimborsi spese. Inchieste che hanno fatto registrare il primo, e chissà se ultimo, capitolo: l’arresto di un consigliere per 65mila euro di rimborsi in capo a una sedicente agenzia di comunicazione. La manovra è passata in nottata. Fumata bianca e colpi di scure che non risparmiano nessuno. A cominciare dallo stipendio del presidente della giunta regionale, che passa dagli attuali 10mila euro ai 7.400. Parliamo sempre di cifre nette. Di certo il risparmio grosso lo si sentirà con i consiglieri, che intanto dalla prossima legislatura saranno decurtati di dieci unità, passando dagli attuali 60 a 50 in tutto. Altra novità: nessun fisso più per presidenti di commissione e componenti dell’ufficio di presidenza, per i quali è prevista solo un’indennità di carica. Niente più gettone per i consiglieri che prendono parte alle riunioni di commissione, la loro presenza sarà a titolo gratuito. I rimborsi spese saranno diminuiti di almeno il 40%. Per le spese di ciascun gruppo è previsto un contributo di 5mila euro a consigliere. Mentre è prevista una sanzione per gli assenteisti. Ai consiglieri e agli assessori saranno decurtati 150 euro per ogni assenza ingiustificata alle sedute del consiglio. Cambia anche il vitalizio, che da retributivo diventa contributivo e potrà essere riscosso non più a 55 anni ma a 66 anni.

(giuseppe porzio)

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27