Martedì 28 Giugno 2022

Roberto Saviano in aula contro i boss Casalesi

Napoli, 10 dicembre 2012 – Il ritorno a Gomorra passa, come l’ultima volta, attraverso un’aula di tribunale. Napoli, Palazzo di Giustizia. Si rivede Roberto Saviano, contornato dalla sua scorta. Lo scrittore valica poco dopo le 9 uno degli ingressi laterali del Tribunale. L’ultima volta accadde tre anni fa. Oggi l’autore di Gomorra è parte civile contro capi e quadri delle diverse fazioni dei casalesi. Il processo vede imputati i boss Antonio Iovine e Francesco Bidognetti (entrambi detenuti al regime del carcere duro del 41 bis), insieme con i loro ex avvocati casertani Michele Santonastaso e Carmine D’Aniello. Per tutti l’accusa è di minacce e diffamazione nei confronti di Saviano e della giornalista Rosaria Capacchione. L’episodio risale al marzo del 2008: durante il processo in Corte d’Assise d’Appello denominato Spartacus, contro il gotha del cartello camorristico. In una di quelle tese udienze, Santonastaso, l’avvocato che all’epoca insieme al collega D’Aniello assisteva i boss Bidognetti e Iovine, lesse in aula una lettera con cui chiedeva ai giudici il trasferimento del processo per legittima suspicione. Quel testo era disseminato di espressioni minacciose sia nei confronti di Saviano e Capacchione, sia nei riguardi degli allora pubblici ministeri Federico Cafiero de Raho (oggi procuratore aggiunto della Distrettuale antimafia), sia di Raffaele Cantone (magistrato in servizio al Massimario della Cassazione), a tutela dei quali si procede a Roma. Per Saviano, com’è noto, non è la prima volta che si mostra in un’aula giudiziaria contro i padrini dei Casalesi. Già nel giugno 2008, proprio alla fine di quel dibattimento, Saviano attese tra i banchi dell’aula bunker di Poggioreale la lettura della sentenza d’appello che confermò quasi tutti gli ergastoli e le pene durissime inflitte a boss, luogotenenti e gregari di Casal di Principe, la sua Gomorra.

 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27