Domenica 3 Luglio 2022

Rifiuti, Consorzi unici di bacino: quanti soldi regalati a lavoratori e imprese

 

Caserta, 15 febbraio 2013 – Per anni il Consorzio unico di bacino avrebbe regalato soldi a pioggia. Soldi per pagare gli stipendi agli operatori, ma pure agli amministrativi che, di tanto in tanto, vedevano incrementata la loro posizione, con aumenti di livello, benefit e superminimi e, soprattutto, superstipendi. Tanto per fare un esempio, la busta paga di gennaio 2010 dell’assistente e dell’autista del direttore generale ammontavano rispettivamente a 5.459 euro e a 4.162 euro. Un medico e un magistrato oggi guadagnano certamente meno, pur avendo alle loro spalle qualche annetto di anzianità. Per non dire delle imprese, pagate in tempi record per lavori mai effettuati. E’ quanto emerge dal filone d’inchiesta condotta dai pm della procura di Santa Maria Capua Vetere, che hanno iscritto nel registro degli indagati dieci persone. Tra queste, l’ex direttore generale del Consorzio, Antonio Scialdone, l’ex vicepresidente facente funzioni, Enrico Parente e gli ex direttori generali del Consorzio Ce3, Francesco Cundari ed Antonio Limatola. L’accusa è di truffa e di aver pilotato appalti verso ditte amiche. L’espediente è semplice. Gli appalti venivano frazionati per rimanere al di sotto della soglia di evidenza pubblica ed affidati direttamente invocando la motivazione dell’urgenza. L’andazzo è cominciato al Ce3, dove Scialdone rivestiva l’incarico di vice direttore generale. Ed è proseguito al Consorzio unico di Bacino, dove è divenuto titolare. Sono numerosissimi gli episodi contestati dai pubblici ministeri, che sottolineano come nella maggior parte dei casi gli affidamenti venissero “falsamente ed illegittimamente frazionati” in maniera da rimanere al di sotto della soglia che impone una procedura ad evidenza pubblica. Ogni volta le fatture si aggiravano intorno ai 40mila euro, per lavori – giova ricordarlo – mai effettuati.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27