Domenica 25 Luglio 2021

Liberate il Lungomare dalla… Ztl. Il Tar: “Fuorilegge varchi elettronici e pass”

ztl_mareNapoli, 8 marzo 2014 – Il Lungomare non s’ha da liberare. Almeno non più. Accogliendo un ricorso di cittadini e commercianti, gli stessi che hanno organizzato stagioni di blocchi, proteste e sit in ai piedi del Comune di Napoli, i giudici del Tar hanno bloccato la famigerata “Ztl del mare”. Come se le roghe non bastassero per il sindaco De Magistris. Già, perché il tribunale amministrativo ha definito illegittimi i varchi elettronici e fuorilegge soprattutto quei permessi per il transito e la sosta per ottenere i quali i residenti hanno dovuto sborsare fino a 200 euro. Il Comune rischia ora di dover pagare sia i residenti che chiederanno il rimborso del pass sia il costo delle telecamere istallate ai varchi e che non verranno mai usate, con un danno erariale non indifferente. Il provvedimento di stop al traffico è sospeso fino a giugno. Vittoria dei ricorrenti, ben 40 commercianti della zona di Chiaia, tra cui nomi storici come Marinella, Monetti, Moccia, Portolano, assistiti dagli avvocati Felice Laudadio e Manfredi Nappi. Accanto ai ricorrenti l’Associazione lotta piccole illegalità (Alpi), la stessa che ha fatto partire, con propri esposti, le indagini su America’s Cup. A leggere la sentenza, si scopre che i varchi di via Acton, piazza Amedeo e piazza Sannazaro non potranno essere riattivati. Il cuore del provvedimento riguarda l’introduzione di un pass a pagamento in assenza di un piano urbano del traffico. “È ammessa l’adozione di una tariffazione sono in via sperimentale nel caso manchi un piano del traffico  –  scrive la magistratura amministrativa  –  per non più di un anno e a condizione che nella relazione tecnica che deve accompagnare il progetto di tariffazione siano precisati gli obiettivi e i relativi criteri di verifica”.

Palazzo San Giacomo è chiamato, a questo punto, a cambiare strategia. Dalla sua, il Comune di Napoli è totalmente sprovvisto di un piano traffico aggiornato (l’ultimo aggiornamento risale al 20022004). Ed è crollata la tesi difensiva secondo cui i soldi richiesti ai cittadini per il pass costituiscono solo un rimborso del costo per il rilascio del contrassegno. La sentenza, ovviamente, non è definitiva. Il Comune può fare ricorso al Consiglio di Stato. Nel frattempo, i ricorrenti potranno chiedere la restituzione di quanto versato per l’acquisto del contrassegno necessario per l’accesso alla Ztl del mare.

(giuseppe porzio)

 

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27