Lunedì 18 Ottobre 2021

Medioevo militante

Sarà solo una questione di corsi e ricorsi storici, sarà perché le fasi della storia, e le categorie con cui siamo abituati a studiarla eclassificarla,  sono sempre le stesse, ma sempre più spesso si pensa il nostro tempo come un nuovo Medioevo e la nostra epoca come se fosse situata tra la fine di un mondo fatto di certezze e diritti  e l’inizio, non proprio imminente, di chissà quale nuova storia. Tutti quelli che guardavano al nostro evo come ad un nuovo Medioevo, tuttavia, avevano fatto i conti con le grandi categorie della storia non immaginando che tutto si sarebbe risolto in un revaival folkloristico a cominciare  dai  riti bossiani-lombardi inventati dall’ideologia e dalla propaganda della Lega Nord, primo fra tutti quello dell’acqua del Po’ contenuta in ampolla e poi versata nel mare di Venezia. Tommaso Carpegna Falconieri, docente di Storia medioevale all’università di Urbino, ci racconta tutto questo, partendo dalla descrizione di una giornata di vari personaggi “in costume” in vari paesi, in abiti e intenti in azioni medioevali, solo che poi ad uno suona il telefonino, un altro sale in macchina levandosi l’elmo con due corna per andare al raduno, un altro racconta sul suo blog le emozioni provate. Oggi il Medioevo è tornato di moda e così se ne servono un po’ tutti, alcuni si servono soprattutto dei pregiudizi sull’era medievale vista come un susseguirsi di “secoli bui”, abitata da barbari, altri attingono invece al culto dei cavalieri e all’epica, utilizzando così la funzione mitica di questo periodo storico per organizzate nuove identità  anche in assenza di senza radici. In questo viaggio nel Medioevo-contemporaneo, in quel fenomeno che gli studiosi chiamano medievalismo, Tommaso di Carpegna propone, traccia un percorso che va dagli anni Sessanta fino ai nostri giorni,  dalla militanza politica allo svago new age, dai tornei cittadini al tradizionalismo identitario cattolico, fino ai richiami alle origini dell’Europa unita e alla mitologia dei partiti e movimenti.  Nell’excursus Carpegna ricorda anche i “nazisti dell’Illinois” detestati dai Blues Brothers, che si battevano contro il multiculturalismo della società americana, proponendosi come novelli guerrieri del Walhalla per un ritorno alla purezza della razza e un nuovo paganesimo ma l’esempio di medievalizzazione più eloquente  è senza dubbio quello italico della La Lega Nord che, secondo lo storico,  confonde la vera storia medioevale con i miti romantico-risorgimentali.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment


Fatal error: Uncaught Error: Call to undefined function wpc_likebutton() in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php:27 Stack trace: #0 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/comment-template.php(1554): require() #1 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/single.php(24): comments_template() #2 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-includes/template-loader.php(106): include('/web/htdocs/www...') #3 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-blog-header.php(19): require_once('/web/htdocs/www...') #4 /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/index.php(17): require('/web/htdocs/www...') #5 {main} thrown in /web/htdocs/www.canaleotto.it/home/wp-content/themes/canale8v2/comments.php on line 27